I gatti riconoscono il proprio nome?

I gatti riconoscono il proprio nome? o siamo noi umani che lo diamo per scontato? magari riconoscono solo il suono e non le parole.

Siamo sicuri che i gatti riescano a riconoscere il proprio nome? ma si tratta di suoni ripetuti che poi loro associano ad un richiamo oppure riconoscono veramente dalle nostre parole il loro nome?

Quello che sappiamo con certezza però è di di come i nostri gatti ignorino, per pigrizia o per personale divertimento, i nostri richiami.
Certo esistono 3 eccezioni al quale i nostri gatti non possono resistere: la parolina magica “Pappa” e scuotere la confezione dei croccantini o ancora aprire una scatoletta di umido.
ma un conto è fare ironia.. Un altro, è avere la prova scientifica che davvero i gatti riconoscono il proprio nome quando lo sentono. E davvero, ci ignorano consapevolmente.

 

Gatto nelle braccia di una Donna

La prova ci viene data da uno studio Giapponese, come hanno fatto?
i ricercatori hanno preso in considerazione venti gatti domestici studiati nel loro ambiente casalingo. Gli studiosi hanno atteso che il padrone fosse fuori dalla visuale di ciascun animale. Al momento opportuno, hanno sottoposto ai felini tre registrazioni di altrettante voci sconosciute che li chiamavano per nome. Hanno tuttavia avuto cura di alternare un richiamo ignoto a quello del proprietario, seguito a sua volta da un altro richiamo sconosciuto. Insomma, un incrocio per confondere ancora di più le acque. Ciascuna reazione a ogni richiamo è stata successivamente analizzata, concentrandosi sui movimenti delle orecchie, della testa e della coda.

Risultato:

Quando si sentivano chiamati i gatti si predisponevano in quello che gli scienziati hanno definito “comportamento orientato”, muovendo cioè le teste e le orecchie per individuare con certezza la fonte del richiamo… da sottolineare un aspetto che vi farà felici La risposta alla voce del proprietario è stata ovviamente quella più marcata e riconoscibile.

Ciò nonostante i gatti non si muovevano da li!

Secondo lo studio questo dimostrerebbe come nonostante i gatti riconoscano il richiamo, non sono propensi ad andare da loro se questi sono fuori dalla loro visuale, insomma, ci ignora sapendo di farlo , ma capisce di essere chiamato e riconosce la voce di chi lo chiama.

Ma come mai i gatti si comportano così? Non si ha una risposta certa ma secondo i ricercatori di questo studio, la risposta potrebbe celarsi migliaia di anni fa.
I gatti sono estremamente autonomi, diffidenti e non rispondono ai richiami perché si sono letteralmente “addomesticati da soli” la convinzione generale del fatto che è proprio il gatto a scegliersi casa e padrone sembra storicamente giustificata.
“Parlando sotto il profilo storico i gatti, contrariamente ai cani sottoposti per migliaia di anni alle pressioni degli umani, non sono stati addomesticati per obbedire” sono infatti proprio i gatti a essersi avvicinati agli insediamenti umani in cerca di topi e ratti e ad aver proposto una sorta di pacifica convivenza con l’uomo.

Anche se il gatto potrebbe non rispondere al richiamo della vostra voce, sappiate che riconosce l’affetto dei sui amici umani, e a modo suo ricambia sempre.

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *